Archivio | dicembre, 2010

Maciste – elogio alla slow life

21 Dic

è che quando un posto mi piace, mia piace..punto!
è che quando trovo un luogo che merita, desidero condividerlo.. e vedere l’effetto che fa sulle altre persone..
è che ogni tanto vengo assalita dalla voglia irrefrenabile di farvi partecipi anche dei miei ambienti del cuore..e Maciste è uno di questi:

Questo slideshow richiede JavaScript.


uno Wine bar all’insegna della SlowLife, un rifugio a metà tra la Francia bohemien e la NewYork degli artisti contemporanei, il tutto però rigorosamente toscano..anzi Empolese

quanto mi piace tornare al paesiello, quando l’appuntamento è da Maciste!!!!

Fiocco di Neve

17 Dic

Fiocco di Neve volteggia, Fiocco di Neve danza, Fiocco di Neve scintilla e leggiadro si adagia sulla mia spalla, morbido e candido sul cappotto di panno… Fiocco di Neve mi accompagna, presenza magica e garbata, e ormai ritemprato dal caldo tepore Fiocco di Neve mi abbandona, effimera certezza di un bianco Natale, si congeda e con la leggerezza con cui è sceso delicatamante si scioglie…

Storia di Zio Nat

10 Dic

gira voce che Babbo Natale se la sia squagliata,
gira voce che abbia aperto un sexshop in Sud Africa,
gira voce che abbia sostituito le renne con sciacalli e gli elfi con bionde coloni olandesi..
gira voce che si sia tagliato la lunga barba ed al posto della chioma bianca ora sfoggi dei gran bei dreadlocks..
gira voce.. e la voce si fa sempre più insistente.. che quest’anno non riceveremo regali, ma cartoline con su scritto: “

    …la Befana e’ transessuale – Zio Nat

A Christmas Carol

2 Dic

Il Natale è il momento che preferisco per immergermi nella memoria e imbattermi in ricordi che mi fanno tornare bambina.. la preparazione del presepe con la carta da pacchi maculata verde e marrone, il pandoro inzuppato nel latte la mattina a colazione, il salotto, nel buio della notte, illuminato dalle mille luci a intermittenza dell’albero di natale… non c’è posto per i brutti pensieri nell’album fotografico del Natale..si respira dolcezza, tutto è soffice e delicato… e con leggerezza la memoria lascia il posto alla malinconia